Riflessioni IV domenica Pasqua 07/05/2017

RIFLESSIONI IV DOMENICA PASQUA 2017- (ANNO A)

 

 

 

 

 

 

 

Tema centrale della celebrazione odierna è la “Porta”. Nella prima lettura Pietro invita coloro che lo stanno ascoltando a farsi battezzare, poiché il battesimo è la porta dalla quale si accede alla cristianità : "Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, affinché siano perdonati i vostri peccati". Nella seconda lettura è sempre Pietro che spiega che la porta protegge il gregge dai pericoli esterni: "Eravate come pecore smarrite, ma adesso siete tornate a colui che è vostro pastore e guardiano". Nel vangelo l’evangelista Giovanni pone la figura di Gesù come porta dalla quale il gregge entra nell’ovile: "Vi assicuro che io sono la porta per la quale debbono entrare le pecore". Nella metafora dell’ovile la figura di Gesù ha una doppia valenza, difatti, se da un lato è come porta dell’ovile, dall’altra parte è il pastore che conduce il gregge. Essendo la porta l’unico modo di accedere all’ovile Gesù risorto ne è la porta, dato che con la sua morte e resurrezione ha formato un gregge nuovo, fondato sull’alleanza salvifica scaturita dal suo sangue. Attraverso il battesimo l’uomo entra a far parte della comunità cristiana e quindi passa dalla porta che è Gesù. Con il battesimo quindi non solo entriamo pienamente nel mistero della Pasqua ma la chiesa ci accorpa a se stessa come sue membra. Chiunque vuole entrare nell’ovile o far parte del corpo della chiesa non entrando dalla porta che è Cristo, è uno di quei Briganti cui si riferisce il vangelo. Non è possibile entrare a fare parte della chiesa solo per questioni di forma, è come dividere il senso della fede nel risorto dalla fede nella chiesa:"Cristo sì, Chiesa no".

 

Se attraverso la porta il gregge entra a far parte della comunità cristiana, come le pecore entrano nell’ovile, cosi dalla stessa porta esse escono per cercare pascoli erbosi di cui nutrirsi. Ed è cosi attraverso questa porta che il cristiano esce in cerca di quel nutrimento che trova nella scrittura, nei sacramenti, e negli stessi altri cristiani suoi fratelli. Ed è Gesù a rappresentare la via per questo nutrimento, Gesù nella sua autenticità, nella sua vita, nella sua risurrezione, nell’istituzione dei sacramenti.

 

Gesù è anche il buon pastore, colui che protegge e veglia sul suo gregge, colui che difende le sue pecorelle dagli attacchi di ladri e Briganti, da tutti i pericoli, colui che affronta il pericolo per salvare il gregge che egli conduce. Ed è la più grande certezza che abbiamo, se Gesù è porta e guardiano del nostro ovile non abbiamo nulla da temere.

 

Ricorre oggi la giornata mondiale per le vocazioni sacerdotali, in questo giorno è importante ricordare che il sacerdote è guardiano del gregge non la porta vera e propria. È importante per ciascuno di noi comprendere che la chiesa voluta da Gesù, non e una chiesa senza sacerdoti come non lo è la chiesa senza laici. La chiesa voluta da Gesù Cristo è fondata sulla presenza di clero e laici, cioè pastori e pecore, quindi da coloro che hanno una funzione di servizio e obbedienza alla gerarchia ecclesiale e da coloro che vivono l’obbedienza e la fatica della vita cristiana nella quotidianità del mondo. Gesù quindi è quella porta che non ci introduce ad un recinto che ci costringe a vivere una vita secondo quei “briganti “ che si aspettano di ricevere qualcosa, che nel farci uscire dalle loro “porte “ ci introducono nei loro recinti, Gesu è la porta attraverso la quale uscendo dall’ovile conosci te stesso e puoi fare esperienza di sentirti ed essere “figlio di Dio” , è la porta che ti apre alla “libertà”, quella libertà che ti fa scoprire la tua vera vocazione su questa terra, e ti apre le vie per dare senso alla tua esistenza. In altre parole Gesù è quella porta che ti aiuta a prendere coscienza che tutti noi siamo nati qui ma destinati a vivere “per il cielo” che non vuol dire vivere scordarsi delle cose della terra, ma viverle nella prospettiva giusta: nella prospettiva di Dio”

 

Buona settimana

 

 

 

ALLA  LUCE DI QUANTO  LETTO QUALE SARA' IL MIO IMPEGNOPER QUESTA SETTIMANA?                                     CONDIVIDI  CON GLI ALTRI LA TUA ESPERIENZA

Scrivi commento

Commenti: 0