Riflessioni Pentecoste 04/06/2017

RIFLESSIONI PENTECOSTE  2017- (ANNO A)

 

 

 

 

 

 

 

In questa domenica di Pentecoste 2017 la prima lettura tratta dagli Atti degli apostoli, ci viene descritto lo Spirito Santo che trascorsi cinquanta giorni dalla Pasqua travolge come un vento furioso, i discepoli riuniti nel cenacolo: "Apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano e se ne posò una su ciascuno di loro. Tutti furono riempiti di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro di esprimersi.". Nella seconda lettura San Paolo risponde alla tentazione dei Corinzi di sfruttare i carismi ricevuti per creare rottura e separazione tra i popoli dicendo: "Ci sono diversità di carismi, ma lo Spirito è lo stesso. A ciascuno viene concessa la manifestazione dello Spirito per il bene di tutti". Nel vangelo di oggi Gesù spiega e sintetizza ai discepoli la Pentecoste dicendo: "Ricevete lo Spirito Santo".

 

Oggi più che mai ci chiediamo chi è lo Spirito Santo e perché viene donato agli uomini. Lo Spirito Santo è l’amore perfetto e senza limiti di cui si amano il Padre ed il Figlio, è quell’amore gratuito che Dio padre prova per il figlio diletto Gesù e che a sua volta Cristo nutre per Dio. Ed è questo incondizionato amore che viene donato agli uomini come il dono più raro e magnifico che possa essere fatto loro. Per i giudei la Pentecoste era la commemorazione della Santa Alleanza di Mosè sul Sinai, dove ricevette le Tavole della Legge, Luca invece, vede un anticipazione della discesa dello Spirito. Difatti, se al tempo di Mosè lo Spirito diede vita al popolo di Israele, oggi lo Spirito fa nascere il popolo cristiano. Per cui lo Spirito diviene Creatore. Infatti, la nuova Alleanza viene sancita nel sangue di Gesù Cristo, ed al popolo cristiano viene data una nuova legge da seguire questa volta fondata sull’àgape, un amore disinteressato e totale. Ma lo Spirito è anche efficace, cioè grazie alla varietà dei carismi che dona agli uomini contribuisce all’unità dei popoli in Cristo. Ed è uno Spirito Ecumenico, quindi universale, che si estende oltre i confini geografici per raggiungere ogni uomo, portando perdono e pace per ogni creatura.

 

Dopo il Concilio Vaticano II la chiesa ha acquisito la consapevolezza della presenza e dell’opera dello Spirito Santo nella vita dell’uomo. Anzi si è resa cosciente della presenza ed azione dello Spirito anche nella vita delle comunità al di fuori della cristianità. Ha avuto cioè una visione di insieme dalla quale si vede che "tutto ciò che è buono, giusto, perfetto", a prescindere da dove sia, proviene da lui e che lui ama ogni creatura a prescindere da quale credo professi. Una manifestazione di amore che supera tutti i nostri limiti di giustizia umani ma che ci mostra l’àgape di cui ci ama.

 

La Pentecoste ci aiuta a comprendere la funzione dei carismi nella chiesa e la funzione dello Spirito santo come unica sorgente di essi. Uno dei fondamentali problemi che si pongono alla nostra attenzione in questa occasione è la separazione che gli uomini sentono tra loro per i carismi diversi. In particolare, vi sono nella chiesa movimenti religiosi, associazioni laiche, congregazioni e gruppi tutti di stampo carismatico. In sé queste iniziative sono un dono del Signore, ma le tensioni, i dissapori e la mancanza di collaborazione che poi, spesso, si verifica tra diversi gruppi porta alla separazione tra gli individui.

Bisogna ricordare che tutti i carismi

sono doni che dovrebbero generare unità e amore, in quanto siamo membra di uno stesso corpo che è la chiesa. In questo senso dovremmo ricordare, ovvero, far presente con la nostra testimonianza di vita,

a tutti coloro

che si affacciano alle realtà parrocchiali o che incontriamo sul nostro cammino quotidiano, che la carità, l’apertura ai fratelli, il discernimento ed il senso del bene comune sono l'essenza di chi decide di  esssere un seguace di Gesù Cristo.

 

 

Buona settimana

 

ALLA  LUCE DI QUANTO  LETTO QUALE SARA' IL MIO IMPEGNOPER QUESTA SETTIMANA?                                     CONDIVIDI  CON GLI ALTRI LA TUA ESPERIENZA

Scrivi commento

Commenti: 0